Il programma di Corporate Venture Capital

Presidiare l’ecosistema delle startup Italiane a più alto potenziale nel settore cleantech in tutti gli stadi di sviluppo, con un modello di investimento flessibile ed efficiente: è questo l’obiettivo di Iren UP, l’innovativo programma di Corporate Venture Capital che affianca i progetti più promettenti in tutto il loro percorso di crescita, dalle tecnologie pulite all’economia circolare.  

 

Corporate Venture Capital Iren UP prevede un approccio flessibile, in grado di valutare operazione per operazione l’entità dell’investimento e la collaborazione da instaurare con la startup. Per il programma Iren S.p.A. prevede ticket di investimento da 100.000 a 2 milioni di euro, a seconda della fase di vita della startup e delle necessità, coinvolgendo attivamente tutte le funzioni chiave dell’azienda che lavorano in team al supporto delle singole startup. 

Promuoviamo l’innovazione e la sostenibilità nei territori supportando le migliori startup italiane nel settore Cleantech

Iren Startup Awards

Diamo forza alle tue idee. Sei pronto a sfidare e rivoluzionare il settore delle utilities?

 

 

StartCup Emilia-Romagna

Il Gruppo Iren è sponsor ufficiale della call regionale.

 

SMAU

Dal 2021 Gruppo Iren è parte dell’Open Innovation Club di SMAU ed ha realizzato una call4startup dedicata ai temi della Lead generation e Drive to Store.

Modalità di investimento

Investimento diretto

Nei casi in cui ci sia una forte sinergia industriale tra il business della startup e quello del Gruppo, gli accordi di investimento sono negoziati direttamente dalla capogruppo in sinergia con le business unit, su cui preferenzialmente sono allocate le partecipazioni in funzione dell’attinenza ai singoli business.

 

Le formule degli interventi finanziati sono quelle tipiche del venture capital:

  • Investimento diretto in Equity
  • Strumenti finanziari partecipativi
  • Opzioni
  • Finanziamenti convertibili

 

Il programma di Corporate Venture Capital di Iren riporta direttamente ai vertici del Gruppo permettendo una velocità d’azione e un continuo confronto interno al fine di allineare gli investimenti alla filosofia di crescita del Gruppo.

 

Non avendo una struttura dedicata come accade nei fondi, non ci sono vincoli temporali di disinvestimento, l’obiettivo è però quello di uscire dalle società in cui si è investito con un importante ritorno economico.

Investimento indiretto

Dal 2022 Iren Up ha stretto una collaborazione con CDP VC e Fondazione Politecnico di Milano entrando a far parte del Polo Tech4Planet, il primo Polo Nazionale di Trasferimento Tecnologico dedicato alla sostenibilità ambientale, nato su iniziativa di CDP Venture Capital Sgr con i Politecnici di Milano, Torino e Bari in qualità di promotori scientifici e il coinvolgimento degli incubatori PoliHub e i3P.

 

L’ingresso in Tech4Planet consente ad Iren di valorizzare le competenze nei settori in cui è leader nazionale e potenzia ulteriormente gli strumenti di venture capital di cui l’azienda era già dotata.

 

Tramite questa collaborazione Iren UP potenzierà la possibilità di intercettare le startup in fase pre-seed e seed derivanti dai principali politecnici italiani, aumentando la capacità e la velocità d’investimento

 

 

Iren UP offre diverse possibilità di collaborazione oltre all’investimento economico diretto o tramite i fondi associati.
Tra i vantaggi di collaborare con una multiutility:

 

Sviluppo delle soluzioni tecnologiche

avvicinandole al mercato di sbocco e a scalare il business raggiungendo un portafoglio di clienti.

Coordinamento con una realtà strutturata

che esige procedure e certificazioni per svolgere molte delle sue attività: fondamentali per definire le linee guida dei business in crescita di molte startup.

 

A chi si rivolge

Iren UP Cleantech Venture punta a investire con quote di minoranza in startup del settore Clean technologies, inteso nella sua accezione più ampia: Rifiuti, Reti per servizi di pubblica utilità, Mobilità e Servizi a valore aggiunto. 

 

La fase di sviluppo delle società sulla quale ci interessa investire sono principalmente due:

 

SEED

Startup o spin-off che abbiano sviluppato una tecnologia o un prodotto anche se in forma prototipale o abbiano depositato un brevetto.

GROWTH

Startup o PMI con soluzioni innovative che abbiano già effettuato in precedenza un round di investimento seed oppure che abbiano già raggiunto un volume d’affari di almeno 1 milione di euro.

Enerbrain

Start-up innovativa nata a Torino nel 2015, ha sviluppato una soluzione per la gestione ottimizzata dei consumi energetici negli edifici. La soluzione è composta da tre elementi:

  • sensoristica ambientale wireless per il monitoraggio dei parametri di comfort;
  • cloud Enerbrain dove risiedono tutti gli algoritmi di Energy Intelligence;
  • attuatori Wireless (Energy Node) che dialogano a loro volta con gli attuatori in campo (valvole a tre vie installate sui circuiti di distribuzione).

Il sistema realizzato permette di raggiungere elevati livelli di risparmio energetico attraverso algoritmi di attuazione sui sistemi termici esistenti

i-TES

Incubata presso il 2i3t (incubatore dell’Università di Torino), i-TES è una società costituita a dicembre 2016 da tre soci. i-TES  sviluppa e perfeziona impianti di accumulo termico innovativi realizzati attraverso l’utilizzo di materiali a cambio di fase (PCM o Phase Change Material) e offre servizi di consulenza e interventi di efficientamento energetico.

Il modello di business della startup si basa su tre linee di prodotti/servizi:

  • kit comprensivo di un serbatoio di accumulo contenente PCM applicabile a impianti termici. Target market: settore civile e terziario.
  • accumuli termici per applicazioni su pompe di calore e sottostazioni TLR. Target market: settore civile, terziario e industriale.
  • servizi customizzati di diagnosi energetica e realizzazione interventi di recupero energetico (waste heat) principalmente per il settore industriale.

Re Mat

 

Startup innovativa che opera in un contesto di circular economy: ritira un rifiuto che viene lavorato, trasformato, messo in commercio e a fine vita può essere nuovamente riciclato. Tramite un processo innovativo e virtuoso, offre servizio di rigenerazione del poliuretano a fine vita.

Re Mat sarà a tendere in grado di lavorare tutti i rifiuti ingombranti imbottiti, oltre al poliuretano derivante dal mondo dell‘ automotive (sedili dei veicoli, varie sedute, poggiatesta). I prodotti che si generano da questa trasformazione del rifiuto in risorsa sono i seguenti:

  • semilavorati per materassi e materassi finiti ecologici
  • pannelli fono assorbenti o termoisolanti
  • imbottiture per veicoli (parti di sedile, cappelliere, insonorizzazione vano motore).

Invia la tua candidatura

Pensi che la tua startup possa essere interessante per il programma Iren UP?