Green

Piano industriale: Iren in anticipo con gli obiettivi sulle rinnovabili 

29 maggio 2022

 

La capacità e la velocità del Gruppo nel realizzare gli investimenti previsti a Piano, che sono più che raddoppiati nel trimestre rispetto all’anno precedente, consentono di anticipare alcuni target come quello della capacità rinnovabile”: così Gianni Vittorio Armani, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Iren, ha commentato i risultati consolidati dal Gruppo al 31 marzo 2022 e approvati dal Consiglio di Amministrazione di IREN.

 

Un Margine Operativo Lordo pari a 363 milioni di euro e un Utile Netto di Gruppo attribuibile agli azionisti pari a 118 milioni di euro: risultati importanti e resi possibili grazie all’efficace gestione della filiera energetica integrata, alla crescita organica basata sugli investimenti effettuati, alla stabilizzazione dei margini attraverso il capacity market e al crescente posizionamento nella generazione rinnovabile. 

Impegno sulla transizione ecologica: una leva strategica

La crescita registrata conferma e premia l’impegno de Gruppo nel realizzare un impianto strategico basato sulla transizione ecologica, la territorialità e la qualità del servizio. Numerosi sono infatti gli indicatori di performance ESG in anticipo rispetto alle previsioni di Piano: 140 MW di capacità installata di fotovoltaico con conseguente riduzione dell’intensità carbonica pari a 305gCO2/KWh e un forte incremento della qualità del servizio al cliente con un aumento delle operazioni digitali e un dimezzamento del tempo medio d’attesa al call center.

 

Come l’economia circolare crea valore

 

Lo scenario attuale permette di guardare al futuro con ambizione: 

Siamo confidenti di traguardare già a fine anno

metà del target fotovoltaico previsto per il 2026,

raggiungendo 870 MW di capacità rinnovabile

complessiva.



Gianni Vittorio Armani, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Iren

 

Per raggiungere l’obiettivo, la sostenibilità in tutti i business rimane centrale: il piano di investimenti previsto dal Piano Industriale Iren @2030  -  per un totale di 12,7 miliardi - accoglie la sfida della decarbonizzazione, mirando allo sviluppo della generazione di energia con fonti rinnovabili e sistemi di storage per l’accumulo, e alla progressiva fuoriuscita da business più emissivi.

 

L’economia circolare resta la cornice di riferimento, con lo sviluppo degli impianti per favorire la circolarità e il riutilizzo dei rifiuti e un’ulteriore spinta alla raccolta differenziata con nuove tecnologie per la valorizzazione dei rifiuti non recuperabili.

Potrebbe interessarti

Energia

Arte e sostenibilità: Iren partner di Biofilia, la biennale di Arte e Ambiente a Genova

Un museo a cielo aperto per unire arte e ambiente. Il capoluogo ligure ospita un evento unico sulla tutela della biodiversità marina
Acqua

Iren al Giffoni Film Festival con il cortometraggio “Chiara come l’Acqua”

Il Gruppo Iren presenta durante il festival un nuovo cortometraggio dedicato all'acqua, per sensibilizzare le nuove generazioni a un uso consapevole delle risorse idriche.
Green

Climapark, inaugurato il centro di esposizione e didattica dedicato allo studio del cambiamento climatico

Il progetto nasce dalla collaborazione di Iren con il Comune di Locana, il Parco nazionale Gran Paradiso e la Società meteorologica italiana.